Foto del profilo di Alessio D'Alterio

IL CODACONS VINCE CONTRO LA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A. PER UN PROPRIO ASSOCIATO PER INVESTIMENTI IN TITOLI STABILENDO IMPORTANTI PRINCIPI GIURIDICI

by Alessio D'Alterio on

Con sentenza n.1056 /2017  del 14.06.2017 il Tribunale di Bologna IV Sezione Dott. ssa Rita Chierici ha aderito di fatto alle tesi difensive dei legali del CODACONS secondo cui

         E’ l’intermediario finanziario ( in questo caso la banca ) che deve dare prova di aver adempiuto ai propri obblighi informativi ai sensi dell’art. 23 co.6 D.L. vo 58/1998 in base alla diligenza dell’operatore professionale.

         Obblighi che possono dirsi adempiuti solo quando l’investitore abbia pienamente compreso le caratteristiche dell’operazione ( Trib. Bari 08.01.2016 e Tribunale di Prato 18.05.2016)

         La consegna del documento sui rischi in generale legati agli strumenti finanziari non estingue l’obbligo informativo in capo all’intermediario finanziario ( Corte di Appello di Milano 06.02.2013)

         Obbligo di preventiva profilatura del cliente per comprendere la sua adeguatezza o meno alla singola operazione di investimento ( Corte di Appello di Bologna 16.09.2015; Trib .Milano 20.03.2006; Trib Monza 16.12.2004 Trib Mantova 1.12.2004)

         La banca non può essere ammessa a dimostrare che il funzionario abbia dato verbalmente le avvertenze al cliente  qualora non esista la prova scritta per incapacità ex art. 246 c.p.c. essendo egli potenzialmente responsabile in solido con l’intermediario ai sensi dell’art. 2049 c.c. ( Trib Genava 15.03.2005)

         La circostanza che in precedenza il risparmiatore abbia acquistato altri titoli a rischio non consente di attribuirgli automaticamente un profilo di rischio alto ( Trib Pavia 16.03.2017 e Corte di Appello Firenze 03.11.2014 e Cass Civ.n.7071 dell’11.04.2016 e Cass Civ. 18039/ 2012)

Il Tribunale ha così deciso di condannare BMPS al pagamento a favore del cliente di euro (,480,06  nonché la costo delle spese di C.T.U. e ad euro 10153,50 oltre IVA CPA e 15% per spese generali   

Ciò che rende importante la sentenza è che costituisce un ulteriore baluardo a tutela dei risparmiatori rispetto alle gravi inadempienze e la superficialità con cui spesso gli istituti bancari effettuano gli acquisti di titoli per i propri clienti senza rispettare le norme basilari a tutela dei risparmiatori affinchè questi facciano degli acquisti assumendo i relativi rischi in modo consapevole.

Vice Presidente Nazionale CODACONS e Presidente CODACONS Emilia Romagna

Avv. Bruno Barbieri

Foto del profilo di Alessio D'Alterio

Written by: Alessio D'Alterio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti