A DISTANZA DI MENO DI DIECI GIORNI DA DUE SENTENZE IN MATERIA DI INVESTIMENTI FINANZIARI A FAVORE DI ASSOCIATI CODACONS CONTRO ISTITUTI BANCARI EMESSE DAL TRIBUNALE DI PARMA L’ASSOCIAZIONE OTTIENE UN ALTRO IMPORTANTE RISULTATO DAVANTI AL TRIBUNALE DI PIACENZA CONTRO FIDITALIA SPA

by Redazione CODACONS ER on

PIACENZA 9 OTTOBRE 2018 – COMUNICATO STAMPA

A DISTANZA DI MENO DI DIECI GIORNI DA DUE SENTENZE IN MATERIA DI INVESTIMENTI FINANZIARI A FAVORE DI ASSOCIATI CODACONS CONTRO ISTITUTI BANCARI EMESSE DAL TRIBUNALE DI PARMA L’ASSOCIAZIONE OTTIENE UN ALTRO IMPORTANTE RISULTATO DAVANTI AL TRIBUNALE DI PIACENZA CONTRO FIDITALIA SPA

Il Tribunale di Piacenza il 7/10/2018 ha emesso sentenza n. 655/2018 di accoglimento della domanda di nullità e ripetizione dell’indebito pagamento presentata da una consumatrice associata CODACONS, rappresentata e difesa dagli avv.ti Bruno Barbieri – Vice Presidente Codacons Nazionale – e Cristina Balteri – Referente Codacons per la Provincia di Parma e Piacenza – condannando FIDITALIA S.P.A. a restituire l’intera somma percepita a titolo di interessi, oltre interessi dal dì del dovuto al saldo, e condanna alle spese legali.

Il finanziamento, della durata di 10 anni, stipulato nel novembre 2011, aveva obbligato la malcapitata consumatrice alla restituzione di un importo addirittura superiore al 100% di quello finanziato, cioè a fronte dell’erogazione di € 10.756,02, al termine del contratto l’importo restituito alla finanziaria sarebbe stato pari a € 21.720,00. I costi complessivi sostenuti dal consumatore per avere l’erogazione della somma chiesta a finanziamento ammontavano, infatti, a € 10.963,98, quindi addirittura superiore di € 210,00 rispetto alla somma ottenuta in prestito.

Ritiene, così, il Tribunale piacentino di aderire all’orientamento prevalente avanti alla Suprema Corte di Cassazione, secondo la quale “Ai fini della valutazione dell’eventuale natura usuraria di un contratto di mutuo, devono essere conteggiate anche le spese di assicurazione sostenute dal debitore per ottenere il credito, in conformità con quanto previsto dall’art. 644, comma 4, c.p. essendo a tal fine sufficiente che siano collegate alla cessione del credito”.

Del resto, chiosa il Giudice dott. Ricci: ”Banca d’Italia e MEF, da una parte e i giudici, dall’altra, in materia di usura hanno compiti diversi come ben diverse e non necessariamente concordi sono le funzioni assegnata all’ordinamento giuridico al tasso medio e al tasso soglia antiusura”.

Un’altra battaglia vinta da parte di un’associazione che ha fatto storia perchè ogni giorno si batte contro le ingiustizie di un sistema finanziario spesso prevaricatore, comunque sempre indifferente alle necessità dell’utenza e dei consumatori.

Chi volesse avere un primo parere gratuito sulle possibilità di recuperar perdite finanziarie subite o come nel caso deciso dal Tribunale di Piacenza voler verificare la regolarità di interessi ed altri costi addebitatigli da finanziarie e banche o ancora per  essere aiutato per approvare un piano di sovraindebitamento in applicazione della legge antisuidici può rivolgersi al CODACONS preso la nuova sede situata presso i locali del Movimento Cristiano Lavoratori di Piacenza, oppure telefonare la numero verde del CODACONS Emilia Romagna 800 050800 per essere aiutato a protocollare la propria richiesta di aiuto presso il call center nazionale  del CODACONS per vare un appuntamento con i legali dell’associazione.

CODACONS DALLA PARTE DEI DIRITTI DALLA PARTE DEI CONSUMATORI.

Presidente CODACONS Emilia Romagna

Avv. Bruno Barbieri

Written by: Redazione CODACONS ER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *