IL CODACONS BATTE ALTRE DUE VOLTE IN GIUDIZIO IL COMUNE DI BOLOGNA DOPO AVERLO BATTUTO AVANTI AL TAR EMILIA ROMAGNA IN MERITO ALLE PRETESE ECONOMICHE A TITOLO DI COMPARTECIPAZIONE AI COSTI DI VITTO E TRASPORTO NEI CONFRONTI DEI PORTATORI DI GRAVE HANDICAP CHE FREQUENTANO IL CENTRO DIURNO

by CODACONS ER on

BOLOGNA 27 maggio 2019   COMUNICATO STAMPA

Il Giudici di Pace di Bologna Dott.ssa Federica Poli Camagni e il Dott. Antonio Pederzoli con sentenze n. 3605/ 2018 e  n.1543/2019 hanno ribadito ancora una volta che è errata la tesi del Comune di bologna secondo cui ai fini della verifica dell’obbligo alla compartecipazione alle spese di vitto e trasporto occorre tenere conto ai fini del calcolo del reddito anche di eventuali indennità previdenziali e assistenziali anche se esenti ai fini IRPEF. Stante il fatto che il Comune di Bologna ancora oggi di fatto notifica cartelle esattoriali per chiedere pagamenti ai fini compartecipativi alle spese del centro diurno a chi non è tenuto a tale esborso fatto salvo poi in giudizio annullare le cartelle stesse in via di autotutela il CODACONS sta consigliando ai propri assistiti di fare appello su queste sentenza che li vedono vittoriosi ma senza riconoscimenti delle spese legali a meno che il Comune di Bologna già battuto decine di volte su questo punto in diritto si impegni immediatamente a non inviare più questo tipo di cartelle esattoriali, colpendo tra l’altro una delle categorie socialmente più deboli.   

Presidente CODACONS Emilia Romagna    Avv. Bruno Barbieri

Written by: CODACONS ER